ORTOTTICA
La visita generalmente dura tra i 15 e i 20 minuti
La visita ortottica è una visita che mira a diagnosticare o escludere la presenza di anomalie a carico dell'apparato neuromuscolare dell'occhio e le alterazioni che da questi derivano.
L'ortottica (dal greco ``orto``, che significa ``dritto`` e ``optichè`` che sta per ``atto della visione``) è quindi un ramo molto importante dell'oculistica. Questa visita viene eseguita dall'ortottista.
L'obiettivo della visita ortottica è diagnosticare la presenza di anomalie a carico dell'apparato neuromuscolare dell'occhio (alterazioni a carico dei muscoli degli occhi, deficit dei nervi che comandano i muscoli degli occhi) e le alterazioni che da questi derivano (visione doppia, confusione, strabismo, ambliopia, anisometropia, paralisi oculari, ecc) e disporre il trattamento adatto al disturbo riscontrato. Attraverso la visita ortottica si può anche monitorare l'eventuale evoluzione di una patologia già diagnosticata.
L'obiettivo della visita ortottica è diagnosticare la presenza di anomalie a carico dell'apparato neuromuscolare dell'occhio (alterazioni a carico dei muscoli degli occhi, deficit dei nervi che comandano i muscoli degli occhi) e le alterazioni che da questi derivano (visione doppia, confusione, strabismo, ambliopia, anisometropia, paralisi oculari, ecc) e disporre il trattamento adatto al disturbo riscontrato. Attraverso la visita ortottica si può anche monitorare l'eventuale evoluzione di una patologia già diagnosticata.
La visita ortottica comprende la sottoposizione misurazione dell'acuità visiva e la valutazione della motilità oculare, del senso della tridimensionalità, della convergenza, dei movimenti che permettono agli occhi una visione unitaria, dell'accomodazione.